Paura alla Stazione Centrale di Milano: accoltellati militari

Paura alla Stazione Centrale di Milano: accoltellati militari

E’ successo ieri sera intorno alle ore 20:30 presso la Stazione Centrale di Milano dove un italo-tunisino ha estratto un coltello e ha aggredito un poliziotto e due militari al seguito di un controllo. Ma procediamo con ordine.

La ricostruzione dei fatti

Una pattuglia composta da due militari e un’agente di polizia ferroviaria stanno facendo un normale controllo alla stazione centrale di Milano, dove notano un giovane tunisino sui vent’anni che cammina in modo un po’ sospetto: mani in tasta e testa bassa. L’agente gli chiede di esibire i documenti di riconoscimento, ma il ragazzo non li ha e all’improvviso toglie da dosso un coltello da cucina e con quello riesce a ferire tutti e tre gli uomini in divisa.

Il poliziotto trentenne viene ferito al braccio destro, mentre il caporalmaggiore dell’esercito 34 anni, viene ferito in modo superficiale alla clavicola, ma i medici lo dimettono poco dopo con 7 giorni di prognosi, ad avere la peggio, il ragazzo più giovane, che ha riportato ferite alla gola e ai due fianchi. Non è in condizioni gravi, almeno questo è quanto si apprende dalla Questura di Milano.

Nonostante le ferite riportate, gli agenti riescono ugualmente ad immobilizzare il tunisino e a consegnarlo ad un’altra pattuglia della Polfer, intervenuta prontamente in aiuto ai poveri feriti. Ora il tunisino è agli arresti con l’accusa di tentato omicidio.

I tre sono stati soccorsi e trasportati in ospedale. Al momento un agente della polfer e un militare sono ancora in ospedale, ricoverati e tenuti in osservazione mentre l’altro ragazzo, come anticipato precedentemente, è stato dimesso ma con una prognosi di 7 giorni. Per fortuna non sono stati toccati gli organi vitali, per cui, qualche giorno di osservazione, e poi sia l’agente che il militare verranno dimessi e potranno nuovamente svolgere le loro funzioni.

Aggressione in stazione centrale di Milano: escluso terrorismo

Da quanto sta emergendo in queste ore, non si tratterebbe di terrorismo come erroneamente era stato pensato, ma di criminalità comune. Il giovane ventenne di madre italiana e di padre magrebino, era noto alle forze dell’ordine, poichè in passato era stato già arrestato per spaccio di droga.

Al momento sono in corso le indagini e tutti gli accertamenti coordinati dal Questore a cura della squadra mobile.

Paura alla Stazione Centrale di Milano: accoltellati militari ultima modifica: 2017-05-19T10:07:41+00:00 da Nadia Conace
The following two tabs change content below.
Questa notizia è stata letta 289 volte

Altri Post

Commenta anche tu..