Pantani: il campione riabilitato

Pantani: il campione riabilitato

Pantani, una storia senza fine. La morte con infamia del campione emiliano risuonata come un tam tam su tutti i notiziari e i giornali, poi il silenzio. Nel 1999 quella dichiarazione sull’innocenza del “Pirata”, non raccolta, lasciata cadere nel silenzio e nel dimenticatoio. Poi parla Vallanzasca: le parole del bel Renè sono un macigno: Pantani è stato fregato, la sua vittoria al Giro avrebbe significato una montagna di soldi persi dalla camorra. E allora la Procura di Forlì decide di indagare: quello che avrebbe dovuto già fare: erano talmente tante le contraddizioni, le stranezze nella morte del campione che non sarebbe sfuggito neppure ad un bambino che c’era qualcosa di strano, ma ai magistrati no. Ma in Italia è normale: trovata una spiegazione per quanto assurda, per quanto balorda, se colpisce qualcuno che non si riesce a battere, va sempre bene.

Comunque pare, anzi è certo che la camorra avesse deciso che non era il caso di pagare tutte le scommesse sulla vittoria di Pantani e allora meglio eliminarlo con delle false prove sul doping, è una telefonata intercettata a dare la conferma di quello che già si sussurrava: l’ha trasmessa Mediaset, e meno male, perchè se l’intercettazione non fosse stata pubblica, si sarebbe mai saputo? Voglio credere di sì; comunque il caso Pantani riapre e forse questa è la volta buona per riabilitare un nome che è stato l’orgoglio dello sport italiano, quello sport che proprio non siamo capaci di proteggere davanti al mondo: perchè noi siamo giustizialisti nati, il sospetto lo facciamo diventare prova processuale e quello che è peggio è che la magistratura ci viene dietro: é imbarazzante.

Pantani: il campione riabilitato ultima modifica: 2016-03-21T12:29:23+00:00 da Maria A
The following two tabs change content below.
Non sono più giovanissima, ma con un grande gusto per la vita; sono stata dirigente d'azienda; mi occupo di sicurezza sul lavoro; adoro scrivere e leggere; tra le mie grandi passioni il cinema e il teatro. Collaboro con alcune testate online e con agenzie di web content.
Questa notizia è stata letta 451 volte

Altri Post

Commenta anche tu..