Real-City 2-1, in finale sarà di nuovo derby di Madrid

Real-City 2-1, in finale sarà di nuovo derby di Madrid

E chi lo avrebbe mai detto? La Champions, come due anni fa, è una questione tutta spagnola, o meglio, per essere più precisi, tutta madrilena. A Milano, il 28 Maggio, per la finale sul manto erboso di San Siro, andrà nuovamente in scena Atletico Vs Real. Filosofie di calcio agli antipodi, storie societarie diversissime, tifoserie divise in una città, la capitale, spaccata in due. Quartieri, strade, piazze e fontane, ovvero i simboli di una rivalità calcistica e non solo, blancos contro colchoneros, i campioni patinati delle merengues contro i calciatori operai biancorossi. Ed ancora Zidane contro Simeone, la voglia di emergere contro il credo tattico, l’esuberanza di un talento che vuole essere grande anche in panchina contro il riscatto del mastino di centrocampo, avversari anche in tanti match di una Serie A che fu.

All’andata, in terra inglese, la gara fu molto bloccata. Visse di fiammate ed in fin dei conti lo 0-0, non scontentò nessuno. Certo un gol al City, in casa poi, avrebbe fatto comodo, ma ci sarebbe stata anche la possibilità di prenderlo. E così reti bianche e tutti a giocarsela al Bernabeu, con i citizen con due risultati su tre a favore. Ma lì, in uno dei templi del calcio mondiale, non si scende in campo per stupire gli avversari e giocarsela a viso aperto. Contro il Real, tutti dietro e barricate, alla disperata ricerca di un miracolo. Stesso schema, che presumibilmente attuerà il Cholo Simeone in finale per spuntarla contro Cristiano Ronaldo e compagni.

Tornando a ieri sera, dopo una fase iniziale di studio, Bale con un tiro-cross, per niente voluto e deviato, la sblocca intorno al 20esimo minuto. La partita così si spacca. I blancos tentano in tutti i modi di affondare il colpo decisivo, ma la difesa del City, cerca con le buone e con le cattive di restare a galla ed arrivare quanto meno, con un gol da recuperare all’intervallo. Missione che riesce in parte, poichè nella ripresa, il copione è lo stesso. CR7, Kroos e gli altri mettono alle corde gli inglesi, che sembrano non riuscire a reagire. Pellegrini, che lascerà a fine stagione la panchina inglese, rimescola le carte, soprattutto nel reparto avanzato, cercando di non dare punti di riferimento ai difensori delle merengues. Ma ogni attacco risulta sterile e poco incisivo. Il match, così, dopo un recupero extra-large si trascina fino al 95′. L’arbitro fischia la fine. 1-0 Real! Poco, ma basta ed avanza per andare a Milano a giocarsi la 11esima Champions contro i cugini dell’altra parte di Madrid.

Real-City 2-1, in finale sarà di nuovo derby di Madrid ultima modifica: 2016-05-05T07:49:34+00:00 da Angelo Maria Castaldo
The following two tabs change content below.
Mi presento. Sono Angelo Maria Castaldo. "Critico" dei media locali. Laurea in Scienze della Comunicazione, Specializzazione in Web & Social Media Marketing, Master in Media Education e Stage londinese in Produzione di Contenuti Sportivi Multimediali. Esperienze radiotelevisive. Editore di carta stampata. Appassionato di calcio e fantacalcio. Viaggiatore errante. "Cultore" degli happy hour e dello street food. Web Content Editor & Copywriter per blog e siti di informazione. Social Media Manager per aziende, esercizi commerciali, enti, organizzazioni e liberi professionisti.
Questa notizia è stata letta 363 volte

Altri Post

Commenta anche tu..